Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
17.08.2017

Eccellenti punteggi per i vini altoatesini

Da “The Wine Advocate” 2017 di Robert Parker

La recente newsletter “The Wine Advocate”, edita dall’influente critico enologico americano Robert M. Parker, ha assegnato punteggi molto alti e ottime valutazioni ai migliori vini altoatesini. Ben sei di questi hanno ottenuto da Monica Larner, responsabile di Parker per l’Italia, punteggi pari, o addirittura superiori, a 94 punti. Si conferma al primo posto, con 97 punti su 100, il Pinot Bianco Rarity 1991 della Cantina di Terlano.

Oltre 95 punti Parker sono andati al Gewürztraminer Terminum 2013 della Cantina di Termeno nonché al Pinot Bianco edizione kunst.stück 2014 della Cantina di Caldaro. Ottimo punteggio - 94 punti - anche per il Valle Isarco Riesling Kaiton 2015 del Podere Kuenhof di Peter e Brigitte Pliger, la Riserva LR 2013 della Cantina di Colterenzio, nonché il Baronesse Passito Baron Salvadori 2013 della Cantina di Nalles-Magrè.

Monica Larner è entusiasta dei vini altoatesini che ha degustato: “Che posso dire? È un vino mozzafiato!” è stato il suo commento al Pinot Bianco Rarity 1991 di Terlano. “È sicuramente caro, ma è un prezzo che vale assolutamente la pena pagare.” Il Pinot Bianco Gewürztraminer Terminum 2013 convince Laner per la “sua opulenza e ricchezza”, mentre il Pinot Bianco Edition kunst.stück 2014 per la “chiarezza lucente e l’intensità di seta, un’espressione favolosa di Pinot Bianco”.

Il Riesling Kaiton 2015 del Podere Kuenhof è, secondo la giornalista enologica americana, “una delle più meravigliose sorprese e scoperte della degustazione in Alto Adige”, la Riserva LR 2013 della Cantina di Colterenzio “di un’attrattività affascinante” e il Baronesse Passito Baron Salvadori 2013 un “vino impressionante, dall’intensità profondamente aromatica”.

68 vini altoatesini hanno ottenuto da Monica Larner ottime valutazioni tra i 90 e 93 punti. Tra i vini con 90 e più punti spicca la Cantina di Terlano con dodici vini premiati. Sei vini con punteggi molto alti anche per Elena Walch, e cinque per la Cantina San Michele/Appiano. Anche quattro vini della Cantina di Termeno e della Cantina di Colterenzio sono stati premiati con 90 e più punti, mentre tre vini rispettivamente per le Cantine di Bolzano e Caldaro e le tenute vitivinicole Franz Haas, Alois Lageder, Manincor e Tiefenbrunner, nonché la Cantina dell’Abbazia di Novacella e il Pacherhof, sempre di Novacella.

Larner è concorde con i viticoltori altoatesini a definire il 2016 come una delle “annate più spettacolari e promettenti degli ultimi decenni per l’Alto Adige.”
Un altro assaggio?
Altre cose da sapere sul mondo vinicolo dell'Alto Adige
News

Lo sapevate?

Dove si trova il vigneto più alto d’Europa? Per fare colpo sui vostri amici con la risposta giusta in occasione della prossima conversazione a ...
Torni all'elenco