Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
14.05.2020

Vini rinfrescanti per le calde giornate estive

Consigli dall'esperto

Aperitivi serali, grigliate all’aperto in compagnia, merende conviviali dopo escursioni in montagna: che estate sarebbe senza questi appuntamenti, in cui non può naturalmente mancare il vino altoatesino? Ne abbiamo parlato con il sommelier Paolo Tezzele, che ci ha svelato alcuni consigli per gli abbinamenti enogastronomici estivi.

  1. Quali vini altoatesini sono un must assoluto nei mesi più caldi?

    Sicuramente un fresco Pinot Bianco, un fragrante Müller Thurgau della Valle Isarco o delle alture della Val d’Adige, ma anche un fruttato Lagrein Kretzer/Rosé.

  2. Che cosa contraddistingue i cosiddetti vini estivi? Quali caratteristiche devono avere? 

    Devono essere freschi o, come si dice in gergo, beverini. A causa delle temperature elevate, meglio puntare su vini che non presentano un eccessivo contenuto alcolico.

  3. Esistono alcune regole generali da osservare negli abbinamenti enogastronomici, indipendentemente dalla stagione?

    Certamente. Da un lato, la struttura della pietanza e quella del vino devono essere equivalenti: ciò significa che, se in estate tendiamo a consumare pasti leggeri, anche il vino non dev’essere pesante. La regola d’oro è che il vino deve accompagnare il pasto, non sovrastarlo. Se il piatto è molto sapido, dev’esserlo anche il vino, meglio ancora se in grado di bilanciare le caratteristiche della pietanza: ad esempio, un cibo dall’acidità marcata va accompagnato da un vino meno acido.

  4. Quali vini consiglierebbe per una grigliata

    Dipende innanzitutto da cosa si cucina: può essere un bianco strutturato e maturato in botte, come uno Chardonnay, un fruttato Santa Maddalena, un Pinot Nero dell’Alto Adige o un Merlot. In ogni caso, è importante ricordarsi di servirlo fresco.

  5. Quali sono gli abbinamenti per i piatti estivi leggeri a base di pesce

    Qui gli appassionati hanno l’imbarazzo della scelta tra i bianchi dell’Alto Adige: un fresco Sauvignon, un aromatico Gewürztraminer, un Kerner o un Sylvaner si adattano benissimo, al pari di un Pinot Grigio.

  6. Qual è invece l’accompagnamento ideale per un’insalata

    In questo caso, l’abbinamento è difficile, perché l’acidità del vino non è compatibile con quella di aceto, limone o altri condimenti. Per questo, di regola, noi sommelier tendiamo a non consigliare alcun accompagnamento.

  7. Quali sono invece i suggerimenti per i piatti mediterranei

    Queste pietanze, normalmente, si caratterizzano per l’intenso aroma, dovuto alle erbe utilizzate (basilico, timo, origano, ecc.). Di conseguenza, la scelta deve cadere su vini che spiccano per la loro fragranza, come Sauvignon Blanc, Sylvaner, Kerner e Müller Thurgau, o su un rosé.

  8. Quali vini sono indicati per un aperitivo in compagnia? 

    In primo luogo, mi vengono in mente i pregiati spumanti altoatesini, ma naturalmente anche i bianchi freschi e leggeri dal basso contenuto alcolico e da una vivace acidità.

  9. E durante una merenda a base di speck speziato, formaggi leggeri e croccante Schüttelbrot, al termine di un’escursione?

    Con le varietà tradizionali, quali Schiava dell’Alto Adige, Lago di Caldaro o Santa Maddalena, non si sbaglia mai. Il mio consiglio è di provare anche un Sylvaner della Valle Isarco, un Kerner o un Gewürztraminer dell’Alto Adige.

  10. Qual è la temperatura di servizio indicata in estate?

    A causa delle temperature esterne elevate, i vini si riscaldano velocemente. È bene pertanto servirli un po’ più freschi del solito; questo vale anche per i rossi. Suggerisco di conservare le bottiglie al fresco e di non versarne una quantità eccessiva nel calice, meglio un po’ alla volta, così non si scalda subito.

  11. C’è un vino particolare della nuova annata che si sentirebbe di consigliare a un appassionato per quest’estate? 

    In realtà, no. In Alto Adige possiamo contare su un assortimento molto vasto: il mio consiglio è di provare vini sempre nuovi, per evitare di “assuefarsi”, e di lasciarsi sorprendere. Come si suol dire, il variar vivande accresce l’appetito!
 
Un altro assaggio?
Altre cose da sapere sul mondo vinicolo dell'Alto Adige
Torni all'elenco