Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
16.04.2018

Vinitaly: punto d'incontro dell’enologia internazionale

Stephan Filippi vincitore del premio Cangrande

Anche quest’anno l’Alto Adige sarà protagonista a Vinitaly con un ventaglio di vini d’eccellenza tra i più ampi e variegati, frutto dell’estrema varietà di climi e della diversità di terreni che caratterizza la regione, una delle zone viticole meno estese d’Italia ma con vitigni che crescono tra i 200 e i 1.000 metri di altitudine.

Dal 15 aprile la ricchezza enologica dell’Alto Adige sarà in mostra al padiglione 6 della fiera internazionale Vinitaly a Verona, dove le 79 aziende produttrici di vino altoatesine presenteranno a partner e clienti, in uno stand comune, le ultime novità e li accompagneranno in degustazioni gratuite per scoprire le principali varietà di Pinot bianco e Pinot nero e i vini provenienti da vitigni in pianura e da vitigni coltivati oltre i 500 metri di altitudine.

Come ogni anno, in occasione dell’evento verrà annunciato il vincitore del rinomato premio “Cangrande ai Benemeriti della Vitivinicoltura”, assegnato quest’anno a Stephan Filippi, enologo di Cantina Bolzano, da sempre impegnato per la promozione della qualità e della cultura del vino, dal 2004 come Presidente della Sezione Alto Adige di Assoenologi, organizzazione nazionale di categoria, ed oggi in qualità di Vicepresidente, carica che ricopre dal 2012. A riprova della sua lunga esperienza e della grandissima competenza ci sono i numerosi premi assegnati negli anni ai vini di Cantina Bolzano.

La manifestazione, aperta agli operatori specializzati, proseguirà fino al 18 aprile. Con degustazioni, seminari tematici e iniziative speciali Vinitaly si conferma il luogo perfetto per incontrare gli attori del comparto.
Un altro assaggio?
Altre cose da sapere sul mondo vinicolo dell'Alto Adige
Torni all'elenco