Dopo la catastrofe meteorologica in Germania: i viticoltori dell’Alto Adige e Antonio Carraro Spa sostengono i vignaioli lungo il fiume Ahr
03.08.2021

Dopo la catastrofe meteorologica in Germania: i viticoltori dell’Alto Adige e Antonio Carraro Spa sostengono i vignaioli lungo il fiume Ahr

L’esondazione del fiume Ahr ha colpito molti viticoltori in misura inimmaginabile. Per questo motivo è stata lanciata l’iniziativa di sostegno “SolidAHRität – Dai viticoltori per i viticoltori”. Anche il Consorzio Vini Alto Adige ha risposto a questo appello pervenuto dalla Germania, riscontrando da parte dei viticoltori altoatesini un’ottima adesione. 50 soci del Consorzio Vini Alto Adige hanno donato un totale di 2.744 bottiglie di vino e spumante. Stimando un valore medio di circa 65 euro per ogni cartone da 6 bottiglie donato, l’iniziativa “SolidAHRität – Dai viticoltori per i viticoltori” ha raccolto una somma potenziale pari a oltre 30.000 euro a beneficio dei viticoltori colpiti dal maltempo lungo il fiume Ahr.

Oltre a questa iniziativa, il Consorzio Vini Alto Adige ha dato un’ulteriore dimostrazione di intraprendenza e solidarietà con i colleghi germanici. In collaborazione con il noto produttore italiano di trattori speciali da vigneto, Antonio Carraro Spa, ha organizzato e attuato un supporto mirato alla tenuta vinicola H. J. Kreuzberg di Dernau. La tenuta, i vigneti, la pensione e l’attività di ristorazione sono state gravemente danneggiati dall’inondazione. Per la ricostruzione Antonio Carraro ha messo a disposizione un trattore in comodato d’uso per tutto il periodo di emergenza. Il Consorzio Vini Alto Adige ha donato inoltre un nuovo carrello elevatore e un argano.

Entrambe le iniziative sono state sostenute dalla ditta di logistica e trasporti EMT di Caldaro, che ha inviato in Germania i cartoni di vino e i macchinari.
Un altro assaggio?
Altre cose da sapere sul mondo vinicolo dell'Alto Adige
Ambasciatori del vino a 2000 m
Consigli

Ambasciatori del vino a 2000 m

Il piacere di sciare associato a nuove e interessanti conoscenze sul vino e a ottime degustazioni. Cosa ne pensa? Quest’inverno, in Alta Badia ...
Torni all'elenco