Ecco a voi ... i pionieri dell’eccellenza vinicola dell’Alto Adige

Idealisti, ambiziosi, lungimiranti

Oggi, i vini dell’Alto Adige sono ovunque un sinonimo di qualità, spirito innovativo e piccole aziende vinicole all’avanguardia. Ma per giungere a quest’eccellenza ci vollero grandi personalità, animate da un solido spirito pionieristico e dal sogno di produrre dei vini di fama mondiale in un paesaggio unico e singolare come quello altoatesino. Erano vignaioli, enologi o presidenti di cantine sociali, e negli anni Settanta e Ottanta inaugurarono una nuova era in questo territorio un po’ alpino e un po’ mediterraneo. Furono loro, infatti, ad avviare iniziative di marketing fino allora del tutto inusitate, e a lanciare una campagna di qualità dagli effetti formidabili. Il successo ottenuto ha coronato i loro sogni, prova ne sia che oggi i vini dell’Alto Adige godono di un prestigio internazionale indiscusso e spiccano per i loro livelli qualitativi.

Abbiamo realizzato un ciclo di brevi documentari dando voce a dei testimoni diretti, cresciuti – in tutti i sensi – nel cuore dei vigneti altoatesini. Ci raccontano la gamma dei vitigni coltivati, il terroir estremamente variegato che impreziosisce i vigneti, l’eleganza e gli aromi raffinati dei vini prodotti, e ovviamente le loro esperienze individuali. Da ineguagliabili intenditori, ci aprono uno squarcio su aziende vinicole pregne di tradizione, condividendo i loro ricordi del passato, e azzardando delle previsioni sul futuro.

Il loro bagaglio d’esperienza e il contributo che hanno dato alla crescita della produzione vinicola di questa terra sono inestimabili. Si apra il sipario, dunque, sui capiscuola del vino altoatesino.
Ascoltare la natura

Ascoltare la natura

Alois Lageder, Magrè: il precursore della coltivazione biodinamica in Alto Adige