Schiava

Un rosso beverino che avanza imperterrito

La Schiava è un vino vivace. Questo vitigno autoctono è un rosso di punta dell’Alto Adige, dove è prodotto fin dal Cinquecento. Negli ultimi anni la superficie coltivata è diminuita, ma in compenso la qualità della Schiava imbottigliata è cresciuta a ritmi formidabili e oggi questo vino sta vivendo un’inaspettata riscoperta. È leggero con tannini moderati, note di violetta e frutti di bosco freschi, e, servito a basse temperature, è apprezzato anche come aperitivo. È versatile, si abbina bene ai piatti altoatesini e cambia al palato a seconda delle zone di coltivazione: pieno quando viene da Santa Maddalena, morbido quando viene dal lago di Caldaro, aromatico se è coltivato sulle colline del meranese.
Schiava
Coltivazione
573 ha
è la superficie coltivata a Schiava, pari al
10,2 %
del totale della superficie coltivata a viti in Alto Adige
Temperatura di servizio
12°C
minimo
-
14°C
massimo
Si abbina bene a
vitello
Speck e salumi
piatti italiani
piatti tradizionali altoatesini
formaggio
Schiava
Terreno preferito
Soprattutto intorno al Lago di Caldaro, a Santa Maddalena a Bolzano e nell’area di Merano, su terreni alluvionali e detritici, su pendii fino a 500 m di quota.
Le è venuta voglia?

Ecco qui le varie sfaccettature della Schiava nelle sue caratteristiche tipiche delle varie zone di produzione

Servizi
 
 
 
 
 
115 di 115 visualizzati
Qualche parente stretto
Altri vitigni rossi dell’Alto Adige
Torni all'elenco